CSV Belluno-Treviso verso l’unione

Inizia ufficialmente il percorso che condurrà alla costituzione di un nuovo CSV per il territorio di Belluno – Treviso, come previsto dalla delibera dell’Organismo Nazionale di Controllo (ONC) che prevede l’accorpamento dei due CSV esistenti.
Lo scorso 15 Luglio, Alberto Franceschini, Presidente di Volontarinsieme – CSV Treviso e Gianluca Corsetti, Presidente del Comitato d’Intesa di Belluno, hanno siglato il documento che porterà alla nascita del nuovo soggetto giuridico.

 

Aprono le iscrizioni Università del Volontariato 2019/2020

Dal 20 luglio si aprono le iscrizioni per il sesto anno accademico di Università del Volontariato® a Treviso.

Scopri la proposta formativa completa di Università del Volontariato a Treviso cliccando qui.

Scadenze presentazione della domanda per il percorso strutturato:

  • volontari e cittadini interessati: 30 settembre;

  • studenti universitari: 15 ottobre.

Tutte le domande dovranno essere compilate al pc e inviate all’indirizzo di posta elettronica formazione@trevisovolontariato.org o consegnate a mano presso i nostri uffici di Via Isonzo, 10 – 31100 TREVISO.
È auspicabile che la candidatura dei volontari sia accompagnata da una lettera di presentazione compilata e sottoscritta dal legale rappresentante dell’associazione di appartenenza.

La classe del percorso strutturato è composta da un minimo di 20 ad un massimo di 30 corsisti.

Una volta scaduti i termini di presentazione delle domande, tutti i candidati del percorso strutturato verranno invitati ad un colloquio conoscitivo a carattere motivazionale. Qualora le domande per il percorso strutturato eccedessero il numero minimo di 20 posti disponibili, la scelta dei componenti della classe seguirà gli esiti dei colloqui conoscitivi.
Alleghiamo i criteri di selezione adottati.

Ricordiamo che la partecipazione alla classe è aperta anche a tre corsisti provenienti dalla provincia di Belluno, che saranno colloquiati e seguiti dai colleghi del Centro di Servizio per il Volontariato di riferimento. Le domande dei candidati per la provincia di Belluno vanno indirizzate a comitato.intesa@csvbelluno.it, oppure consegnate a mano presso la sede del Comitato d’Intesa – CSV Belluno: via del Piave, 5 – Belluno.

NOVITÀ

Quest’anno la proposta formativa è stata arricchita da una grande novità: l’introduzione di uno short master riservato a presidenti e membri del consiglio direttivo di un’associazione. Il corso si propone di offrire ai dirigenti delle associazioni strumenti concettuali ed operativi per comprendere il contesto sociale ed istituzionale, analizzare i bisogni, progettare le azioni e agire con efficacia ed efficienza.

Scadenza presentazione della domanda per lo short master: 20 novembre 2019

La classe dello short master è composta da un massimo di 15 membri. Due posti sono riservati ai corsisti provenienti dalla provincia di Belluno.

Una volta scaduti i termini di presentazione delle domande, tutti i candidati verranno invitati ad un colloquio conoscitivo a carattere motivazionale. Qualora le domande per il percorso strutturato eccedessero il numero massimo, la scelta dei componenti della classe seguirà gli esiti dei colloqui conoscitivi.

Scarica i moduli per l’iscrizione ai vai percorsi:

  • ALLEGATO A – scheda di iscrizione (si ricorda di indicare obbligatoriamente la scelta tra percorso strutturato, libera frequenza e short master)
  • ALLEGATO B – piano di studi lezioni specialistiche di interesse
  • ALLEGATO C – lettera di presentazione del volontario a cura del Presidente dell’organizzazione di appartenenza

Orario estivo uffici

Per il periodo estivo i nostri uffici osserveranno i seguenti orari:

Apertura Uffici
dal Lunedì al Venerdì dalle 8.30 alle 14.30 ( fino al 30 Agosto)

Chiusura uffici per ferie
da lunedì 12 a venerdì 23 Agosto compresi

Finanziamento iniziative invecchiamento attivo

La Regione Veneto ha approvato il Programma attuativo annuale – 2019, i criteri e le modalità per il finanziamento delle azioni progettuali previste dallo stesso, nonché l’avviso con i relativi modelli riguardanti il bando di finanziamento.
La partecipazione è riservata a:

  • soggetti privati no profit, compresi associazioni di volontariato e di promozione sociale, fondazioni,  enti religiosi aventi sede nel territorio della regione Veneto;
  • soggetti e istituzioni di natura pubblica.

In forma singola o in partenariato tra loro, che forniscano servizi a carattere socio−sanitario e le cui attività ricadano nell’ambito dell’oggetto del bando.

Per info e moduli clicca qui.

Adeguamenti statutari Codice III settore

È stato approvato ieri il DL Crescita che contiene anche norme rilevanti per il terzo settore.
In particolare, diventa ufficiale la proroga per l’adeguamento degli statuti al 30 giugno 2020, utilizzando procedure semplificate.
La modifica interviene in deroga al Codice del terzo settore (art. 101 comma 2) e riguarda:
• le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus);
• le organizzazioni di volontariato (OdV);
• le associazioni di promozione sociale (APS);
• le bande musicali;
• le imprese sociali.

Al via Una casa per i papà a Treviso

Apre a Treviso la prima “Casa per i Papà” una struttura dedicata all’accoglienza temporanea dei padri separati o divorziati, in un ambiente adatto ad ospitare i figli, favorendo il rapporto genitoriale.

Il progetto vede capofila Volontarinsieme – CSV Treviso e la partecipazione dell’associazione “Dire Fare”, “Associazione Figli e Genitori Separati”, “Associazione Casa San Cassiano”, “San Vincenzo consiglio centrale di Treviso” e “Comunità di S. Egidio” e gode del patrocinio del Comune di Treviso.

In questo momento storico, una delle nuove e spesso latenti emergenze è data proprio dalla situazione dei padri separati che, in seguito alla fine del matrimonio, si ritrovano a vivere improvvisamente in povertà economica e relazionale.

Ecco che “Una casa per i Papà” è un progetto pensato per offrire ai padri un sostegno temporaneo all’esigenza di un’abitazione a costo accessibile, in un ambiente dignitoso e adatto ad accogliere e ospitare i figli.

Contemporaneamente, il progetto mira a offrire un supporto nella ricerca di una possibilità lavorativa stabile laddove ci fosse la necessità, un accompagnamento alla gestione delle finanze e alla ricerca di una soluzione abitativa definitiva.

Nella casa si potranno ospitare fino a tre padri, in camere letto organizzate per accogliere periodicamente i figli, due bagni ad uso comune e un ampio soggiorno per i momenti di convivialità.

 

La rete progettuale stabilisce i seguenti requisiti di ammissione:

  • ultima residenza in provincia di Treviso
  • padre separato o divorziato o componente di coppia di fatto con almeno un figlio minore residente nella provincia di Treviso, privo di abitazione o con necessità di rilascio dell’alloggio familiare a seguito di sentenza dell’autorità giudiziaria;
  • non avere proprietà o usufrutto di un’abitazione (diversa da quella in cui abitano i figli);
  • essere privo di qualsivoglia soluzione abitativa nella provincia di Treviso;
  • non avere un reddito tale da permettere il sostegno di un affitto a prezzo di mercato;
  • non aver riportato sentenze penali;
  • non venire da percorsi di dipendenze.

L’assegnazione della stanza comporta per i beneficiari la sottoscrizione di un contratto d’uso modale, che prevede la corresponsione da parte dell’assegnatario, di un contributo mensile per l’uso esclusivo della camera e l’uso promiscuo del bagno e degli altri spazi, per i consumi energetici (luce, acqua, gas e rifiuti) e per l’utilizzo degli arredi e delle attrezzature messi a disposizione.

Le candidature possono essere sottoposte a Volontarinsieme – CSV Treviso inviando una mail a segreteria@trevisovolontariato.org o attraverso una delle realtà associative della rete progettuale. In allegato il pieghevole di presentazione del progetto, contenente anche una piccola scheda di presentazione.

Un’apposita commissione composta dai referenti delle associazioni partner valuterà periodicamente i profili raccolti dei potenziali beneficiari.

 

Per maggiori informazioni:
Alessia Crespan
0422 320191

 

 

Riforma Terzo Settore: istruzioni per l’uso

Una guida online gratuita e accessibile per orientare gli enti di terzo settore tra le novità della nuova normativa. È “La riforma. Istruzioni per l’uso”, un’apposita sezione del Cantiere terzo settore, il sito web del progetto “Capacit’Azione. Investire in formazione è costruire il futuro”, condotto dal Forum Terzo Settore Lazio in collaborazione con il Forum nazionale e CSVnet. A questo link potrete accedere alla guida online. 

In oltre 80 schede, un gruppo di esperti composto da commercialisti, avvocati e ricercatori spiega in modo semplice tutte le innovazioni della riforma, varata nel 2016 e che sta andando a regime in questi mesi. Dalle regole della vita associativa a quelle amministrative, dagli obblighi di trasparenza e rendicontazione alle agevolazioni fiscali, dal ruolo del volontariato al rapporto tra terzo settore e pubblica amministrazione; ma anche le opportunità di finanziamento, la nuova impresa sociale, il servizio civile universale, i centri di servizio per il volontariato e tanto altro.

Oltre ad aprire questa nuova sezione, Cantiere terzo settore cambia veste e si popola di contenuti utili per comprendere le nuove disposizioni e seguire passo dopo passo gli aggiornamenti, con notizie, un calendario degli eventi del progetto e dei più importanti appuntamenti pubblici in Italia sul tema, video-focus con gli esperti del terzo settore e tutta la normativa aggiornata.

Tra le questioni più urgenti e che stanno rallentando la piena attuazione della riforma: l’autorizzazione della Commissione europea, ancora non attivata, sui benefici fiscali a favore degli Ets; l’attivazione del registro unico nazionale; i nodi ancora da sciogliere sull’inquadramento fiscale.

Il progetto “Capacit’Azione” è finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali secondo l’Avviso per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale (art. 72 del Codice del terzo settore). Dall’inizio dell’anno a oggi, sono stati realizzati già oltre 100 incontri in tutta Italia per formare 1.300 esperti sulla riforma del terzo settore. Partner dell’iniziativa, Anpas, Anteas, Arci, Auser e CdO-Opere sociali insieme ai collaboratori di sistema Acli, Anci Lazio, Anffas, Pro Bono Italia, Coordinamento periferie, Legambiente, Leganet e Legautonomie.

Bando Regionale per OdV e APS

Il bando fissa criteri e modalità per il finanziamento di iniziative e progetti a rilevanza regionale, promossi da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale, iscritte ai Registri regionali.

Scadenza: 1 luglio.

Per tutti i dettagli e la modulistica clicca qui.

Candidati parlamento europeo: il volontariato sia una priorità

 “Il 19% dei cittadini dell’Unione Europea svolge una o più attività di volontariato, dando vita a innumerevoli servizi di aiuto in tutti i campi della vita sociale. Solo nella nostra provincia, Volontarinsieme rappresenta 350 associaizoni, oltre 10mila volontari e 90mila soci aderenti – dichiara Alberto Franceschini Presidente di CSV Treviso –  Eppure, nonostante il ruolo spesso determinante per la coesione delle comunità, non sempre queste attività vengono sostenute adeguatamente a livello politico. Ecco perché chiediamo ai candidati trevigiani alle elezioni europee di domenica prossima, di sottoscrivere questo documento e impegno”

Parte da questa considerazione la campagna Vote Volunteer Vision, lanciata dal Centro europeo per il volontariato (Cev). Una campagna che CSVnet (organismo nazionale cui aderisce anche  Volontarinsieme – CSV Treviso) come aderente al Cev, ha deciso di sottoporre ufficialmente a tutti i candidati italiani alle elezioni del prossimo 26 maggio per il rinnovo del Parlamento europeo.

“Come Volontarinsieme – CSV Treviso, chiediamo quindi ai candidati due impegni concreti per il sostegno del volontariato in Europa, attraverso la sottoscrizione dei contenuti del documento base della campagna e, se eletti, la promozione di un intergruppo parlamentare sul volontariato prosegue Franceschini.

Le istanze contenute nel documento, infatti, sono tutte incentrate sulla necessità di proporre e sostenere politiche di respiro europeo. Ciò allo scopo di facilitare il lavoro quotidiano svolto dalle associazioni di volontariato e soprattutto dai milioni di cittadini che, in forma più o meno organizzata, dedicano gratuitamente parte del proprio tempo alla solidarietà.

La prima di queste istanze riguarda la “misurazione” corretta del volontariato attraverso ricerche aggiornate e costanti che utilizzino parametri comuni in tutti i paesi (oggi sono pochissimi gli studi disponibili).

Una conoscenza univoca del “valore” del volontariato che dovrà mettere in grado i legislatori di coordinare entro un unico quadro normativo le politiche di volontariato delle diverse istituzioni europee.

Si chiede inoltre di sviluppare le infrastrutture del volontariato per fare in modo che esso possa supportare l’attuazione delle politiche europee, come il Pilastro dei diritti sociali o l’Agenda 2030.

Si sottolinea anche il ruolo formativo del volontariato per lo sviluppo della cittadinanza e per l’occupabilità, aspetto direttamente collegato al tema della validazione univoca delle competenze acquisite in contesti non formali e informali. E grande importanza viene data al volontariato di impresa, garantendo standard qualitativi per le aziende e i dipendenti coinvolti.

“Non viene ovviamente “dimenticato il passaggio politico del 2020, quando si concluderà quello in corso e si aprirà un nuovo settennato, con la conseguente revisione degli attuali programmi e l’attivazione di quelli nuovi – conclude Alberto Franceschini Un periodo cruciale in cui il volontariato dovrà sempre essere considerato come una priorità. Nel documento si richiama infine la necessità di promuovere il volontariato all’estero, attualmente realizzato attraverso il Corpo europeo di solidarietà e il programma EU Aid volunteers.

 

Concorso di idee

Volontarinsieme – CSV Treviso ha riservato una quota di finanziamento alle attività delle organizzazioni di volontariato atte a fornire nuove risposte in rete ai bisogni del territorio, con il coinvolgimento degli altri soggetti del Terzo settore e dei servizi del territorio, finalizzata alla costituzione di Tavoli Progettuali intesi come luoghi di incontro, condivisione e avvio di progetti.

Si tratta di procedere ad una raccolta di idee ed alla costituzione di tavoli di co-progettazione che abbiano come obbiettivo la trasformazione di idee in progetti, nonché lo scopo e la capacità di allargare la rete. A Volontarinsieme – CSV Treviso spetta il compito di supervisione, coordinamento e sostegno di ciascuno dei tavoli progettuali e di capofila nei progetti che ne sortiranno.

Da questa pagina potete scaricare il testo integrale del concorso e la scheda di presentazione dell’idea progettuale (Allegato 1).

Note a Margine in Fiera4passi

Il volontariato protagonista
In Fiera4passi
con il progetto “Note a Margine”

 

Note a Margine è un’iniziativa di co-progettazione sociale che ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare le realtà attive sul territorio che si dedicano a persone in stato di marginalità, economica o relazionale.

La progettualità si sviluppa a livello regionale, con capofila Volontarinsieme – CSV Treviso, coinvolgendo anche i CSV di Belluno, Padova, Rovigo e Vicenza nei loro territori, ed è finanziato dal Co.Ge. Veneto (comitato gestione fondo speciale volontariato).
Una ventina le associazioni di volontariato inizialmente coinvolte nella co-progettazione, che in questi mesi hanno elaborato idee e proposte per valorizzare, attraverso un percorso concreto e strutturato, esperienze e iniziative già attive, nell’ottica del lavoro di rete.

Tre gli ambiti di servizio che sono stati individuati, definendo altrettanti percorsi specifici.

“C’è posto per te”, un percorso di orientamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo delle persone a rischio di povertà.

“Linea aperta”, un percorso di informazione e socializzazione per la riduzione dell’isolamento di anziani autosufficienti in stato di marginalità relazionale.

“Ponte 18”, un percorso di sostegno per l’autonomia di giovani adulti con disabilità e per le loro famiglie.

L’obiettivo di Note a Margine, in questa fase di avvio, è di creare una rete ancora più estesa di associazioni o partner, coinvolgere il maggior numero di soggetti e far conoscere i progetti che sono stati definiti in questi mesi.
Per questo sarà possibile conoscere il progetto, le attività che saranno messe in campo nei vari territori, le finalità e i volontari stessi, nelle giornate di sabato 18 e domenica 19 Maggio nell’ambito di Fiera4passi, in un apposito stand allestito in Area 1, proprio all’ingresso della Fiera.
Il progetto sarà inoltre protagonista di “Un’ora con…” nello spazio incontri di Fiera4passi, Domenica mattina alle ore 10, in dialogo con Stefano Carbone, psicologo di comunità, che affronterà il tema della partecipazione attiva e del ricambio generazionale nel volontariato.

 

 

 

D’ESTATEVI – campo di volontariato in mare

Un’esperienza unica, “D’estatevi” è un campo estivo rivolto ai ragazzi delle superiori impegnati o con il desiderio di impegnarsi in attività di solidarietà.
Dal 25 al 29 giugno i giovani potranno salire a bordo di un grande veliero armato a brigantino-goletta Nave Italia, condotto da un equipaggio della Marina Militare. L’obiettivo di questa avventura è approfondire la conoscenza del mondo del volontariato e promuovere la crescita personale attraverso la vita di mare e la navigazione.

L’iniziativa rientra nel progetto “A scuola di legame sociale – Wake up” con finanziamento del Co.Ge – Comitato di gestione del fondo speciale per il volontariato del Veneto – che si pone l’obiettivo di promuovere il benessere dei giovani del territorio del Veneto presentando loro modelli positivi, offrendo spazi di protagonismo, valorizzando le loro competenze, contribuendo alla crescita dell’autostima, stimolando nuovi interessi e possibilità di impegno sociale, contrastando così il rischio di esclusione sociale, con capofila il CSV di Padova.

Possono partecipare al campo gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto.
L’azione sarà destinata in primis ai ragazzi segnalati dalle scuole, dalle istituzioni o dalle associazioni di volontariato.
Tutti i partecipanti dovranno aver svolto, prima dell’imbarco, un’esperienza di almeno 40 ore di attività di volontariato.
È prevista la partecipazione a due incontri di formazione, e una quota di 250 euro (è possibile concordare quote inferiori in caso di necessità).

Le associazioni sono invitate a fare promozione dell’iniziativa.

Si raccolgono le candidature dei ragazzi fino al 5 maggio.

La formazione di Volontarinsieme

I corsi non bastano più. Ora servono vere scuole per selezionare i volontari.
Solo attraverso lo studio le persone diventano libere.
Libere dall’ignoranza, dal condizionamento, dalle manipolazioni.
-Stefano Zamagni-

Da molti anni Volontarinsieme – CSV  Treviso forma i volontari delle associazioni del nostro territorio e sensibilizza i cittadini alle tematiche del volontariato e della cittadinanza attiva.
Dal 2015 la formazione offerta da Volontarinsieme, grazie al sostegno dell’Università Ca’ Foscari, diventa una Università: luogo di formazione e luogo di pensiero.
L’esperienza dell’Università del Volontariato nasce a Milano da un progetto formativo innovativo del Ciessevi ed ora, attraverso una rete collaborativa fra i CSV di diverse Regioni, è presente e cresce anche a Treviso.
Per conoscere Università del Volontariato nella sua interezza visita il sito www.univol.it

UNIVERSITÀ DEL VOLONTARIATO A TREVISO
IL PERCORSO FORMATIVO COMPLETO

I soggetti promotori
Volontarinsieme-CSV Treviso, Università Ca’ Foscari Venezia, CIESSEVI Milano

Le Collaborazioni e i Partners:
Fondazione Cassamarca, Azienda ULSS 2 Marca Trevigiana

A chi è rivolto
Enti associativi (ETS, associazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, ONLUS, circoli ed università terza età), fondazioni, studenti in formazione, cittadini interessati.

IL PERCORSO UNIVERSITARIO

Il Programma ed impegno richiesto
Il percorso di studi strutturato è articolato in corsi base obbligatori (35 ore complessivamente), lezioni specialistiche a scelta (almeno 10 ore) e uno stage di volontariato (almeno 20 ore). Al termine dello stage viene richiesta l’elaborazione di un prodotto personale di restituzione dell’esperienza a scelta tra tre possibilità: la stesura di elaborato di gruppo redatto in forma collettiva (da 2 a 4 corsisti) che racconti ed introduca un progetto di rete; la rilettura metodologica dello stage svolto; la possibilità di potenziare l’esperienza di stage con ulteriori 20 ore da svolgere all’interno di una co-progettazione territoriale promossa da Volontarinsieme – CSV Treviso.
Ogni corsista viene sostenuto nella sua formazione da un tutor con il supporto del quale definisce il piano di studi più adatto alla sua situazione e che lo accompagna per tutto il percorso. Il tutor aiuta negli approfondimenti, nei rapporti con i docenti, nelle esercitazioni e nello stage.
I Collegi didattici dei corsi di studio dell’Università Ca’ Foscari valutano il percorso formativo.

Riconoscimento all’interno dei corsi dell’Università Ca’ Foscari
A partire dall’a. a. 2015-2016 ciascun Collegio Didattico dell’Università Ca’ Foscari, su proposta degli organizzatori, valuterà preventivamente il percorso formativo e i CFU riconoscibili all’interno del singolo corso di studio.

Corsi obbligatori (pensati per la classe dei corsisti)
I corsi obbligatori si concentrano sulle competenze relazionali e organizzative imprescindibili per capire il volontariato e l’impegno solidale.
Si tratta di cinque destinati al gruppo di partecipanti al percorso formativo completo. I temi:

• MOTIVARE E RELAZIONARE – Motivare i volontari, motivare se stessi come volontari e gestire le relazioni nell’esperienza associativa
• INFORMARE E COMUNICARE – La comunicazione sociale
• L’ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL’ASSOCIAZIONE – Elementi giuridici, fiscali ed amministrativi dell’associazione
• LA TEORIA DEL CAMBIAMENTO COME STRUMENTO DI GESTIONE STRATEGICO ORGANIZZATIVA
Come migliorare il processo di progettazione, e come implementare modelli di valutazione di
impatto sociale.
• ESSERE VOLONTARI: PER UN FARE CAPACE DI PENSIERO GENERATIVO LEZIONI SPECIALISTICHE

Lezioni specialistiche (aperte a tutti)
I corsisti possono scegliere un’area tematica specifica d’approfondimento e frequentarne le lezioni previste in base alle esigenze di formazione ed al piano didattico individuale costruito con il tutor. Le aree tematiche delle lezioni specialistiche sono:
• AMMINISTRAZIONE, FISCALITÀ, NORMATIVA;
• ECONOMIA, IMPRESA E FINANZA PER L’INNOVAZIONE SOCIALE;
• LA GESTIONE PER PROGETTI: METODOLOGIE E STRUMENTI;
• EVOLUZIONE DEL VOLONTARIATO E CURA DEI VOLONTARI;
• VOLONTARIATO E PARTECIPAZIONE NELLA PROGRAMMAZIONE;
• LA RELAZIONE DI AIUTO ORIZZONTALE – I GRUPPI AMA;
• COMUNICAZIONE E PROMOZIONE;
• EVOLUZIONE SOCIALE E SOSTENIBILITÀ.

Le lezioni specialistiche possono essere scelte anche tra più ambiti d’interesse ma devono comunque essere organizzati all’interno di un piano di formazione individualizzato coerente con i bisogni formativi della persona e l’ipotesi di spendibilità nell’organizzazione.
Le lezioni specialistiche, facendo parte dell’offerta formativa di Volontarinsieme, sono aperte a tutti, vi possono perciò partecipare anche coloro che non sono iscritti al percorso formativo completo.

Stage
Uno stage di volontariato, che potrebbe essere svolto anche all’interno dell’organizzazione di appartenenza, completerà l’iter necessario per il conseguimento dell’attestato finale e sarà la dimostrazione della capacità di trasferire in un contesto concreto le competenze acquisite durante il corso.
Gli studenti verranno affiancati, oltre che dal proprio tutor di corso, anche da un tutor interno all’organizzazione ospitante, dedicato allo svolgimento dello stage.
Il lavoro svolto dai corsisti per la restituzione personale del proprio percorso verrà valutato da un’apposita Commissione.

Gratuità del percorso
Il percorso formativo e i corsi specialistici sono completamente gratuiti.

Sede
I corsi si svolgeranno presso la sede del Campus Ca’ Foscari Treviso
presso Palazzo San Paolo – Riviera Santa Margherita 76.

Referenti:
Per Volontarinsieme – CSV Treviso
Referente organizzativo: Marilisa Marian
Referenti tutoraggio: Alessia Crespan e Maria Pia Scattareggia
tel. 0422 320191 – mail: formazione@trevisovolontariato.org
Per Università Ca’ Foscari Venezia
Referente per gli studenti universitari
per il Campus Ca’ Foscari Treviso: Mariacristina Marangon
tel 0422 513622 – mail: treviso@unive.it
per l’Ufficio Sostenibilità
tel 041 2348076 – mail: sostenibile@unive.it

 

Iscrizioni alle lezioni specialistiche

Durante l’intero anno accademico volontari e cittadini interessati possono iscriversi alle lezioni specialistiche compilando la scheda di iscrizione e/o inviando una mail a formazione@trevisovolontariato.org

Potete scaricare da questa area il calendario completo delle lezioni specialistiche per l’a.a. 2019/2020

Contest #cATTIVIperungiorno

#cATTIVIperungiorno

Foto/video contest
Cattura il tuo modo di essere volontario!


PROROGATO FINO AL 5 GIUGNO 2019 FINO ALLE ORE 16!
CHE ASPETTI A PARTECIPARE?


Dal 24 aprile al 31 maggio 2019 Volontarinsieme – CSV Treviso, la Consulta Provinciale degli Studenti di Treviso e Home entertainment srl organizzano un contest per catturare con sguardo nuovo l’essere volontari, in particolare il tuo essere volontario/a.

Sei un giovane studente di un Istituto Superiore di secondo grado? Hai svolto o stai svolgendo un’esperienza di volontariato o di cittadinanza attiva? Raccontacela!

È ammessa al contest qualsiasi tipo di attività di volontariato svolta da te, che sia continuativa o spot, che sia a contatto diretto o indiretto con la persona. Unica regola: non può essere retribuita.

Raccogli tappi sulla spiaggia perché hai a cuore l’ambiente? Svolgi servizio in un centro sollievo alzheimer? Sei/sei stato volontario in qualche festival culturale? Pratichi uno sport integrato con ragazzi con disabilità? Etc…

È ora di sfoderare la macchina fotografica o semplicemente il cellulare!

  1. Scatta una foto o un breve video (max 60 secondi) della tua esperienza;
  2. Caricala su Instagram con una breve descrizione;
  3. Tagga @consultatreviso e @corefestival e usa l’hashtag ufficiale del concorso: #cATTIVIperungiorno.

Ricordati di inviarci la liberatoria al trattamento dati che trovi alla fine del regolamento. Se sei minorenne, falla firmare anche ai tuoi genitori.
SE HAI IL PROFILO PRIVATO. Ricordati di mettere mi piace alla pagina di Volontarinsieme (@trevisovolontariato) che ti seguirà a sua volta: solo così potremo vedere il tuo contributo al contest.

Al termine del contest, uno di voi diventerà il testimonial del volontariato al Core Festival di Treviso (dal 7 al 9 giugno, presso la Dogana di Treviso), con accesso al festival musicale e al backstage e la possibilità di conoscere i cantanti di questa edizione. Potrai portare con te anche un amico/a!

Il vincitore sarà scelto tramite una selezione ponderata: più like avrà la tua foto/video, più saranno le possibilità per te di vincere il Core Festival!

Non dimenticarti di chiedere ai tuoi amici di mettere mi piace al tuo post: fai una cosa bella, diffondila e condividila.

 

Metteteci il Core (Festival).
#cATTIVIperungiorno

Adeguamenti statutari Codice del terzo settore

 

Volontarinsieme – CSV Treviso organizza una serie di appuntamenti sul territorio per illustrare i fac simili di statuto per Ass. di Promozione Sociale e per Org. di Volontariato da utilizzare per adeguare lo statuto attualmente vigente al Codice del Terzo Settore:

  • SILEA, 7 maggio – ore 18, Sala Tamai (via Roma, 81)
  • MOGLIANO V.TO, 9 maggio – ore 18, c/o Centro Pastorale (p.le Mons. Fedato, 1)
  • CASTELFRANCO, 11 maggio – ore 10, c/o Coordinamento Castellana (via Verdi, 3)
  • ODERZO, 14 maggio – ore 19, Palazzo Moro (via Garibaldi)
  • MONTEBELLUNA, 15 maggio – ore 20.30, c/o Coordinamento Cittadini Volontari (via Mattiello 4)
  • VITTORIO V. TO, 16 maggio – ore 18, c/o Coordinamento Sin. Piave (via San Gottardo, 91)

Tutti gli incontri hanno gli stessi contenuti, per dare modo alle Associazioni della provincia di scegliere la sede più comoda.

Normattiva. Il portale della legge vigente

In questa fase di grandi cambiamenti e incertezze, per avere sempre la versione aggiornata della normativa (nuovi decreti attuativi e circolari) vi consigliamo di consultare il sito https://www.normattiva.it

 

Riforma del Terzo Settore: adeguamenti statutari

La Regione Veneto ed i Centri di Servizio per il Volontariato hanno elaborato i fac simili di statuto per Ass. di Promozione Sociale e per Org. di Volontariato da utilizzare per adeguare lo statuto attualmente vigente al Codice del Terzo Settore.
In particolare, per ognuna delle due tipologie di associazione, trovate due fac simili.

1- “ADEGUAMENTI STATUTARI ODV/APS GIA’ ISCRITTE”, per associazioni:
• già iscritte al relativo Registro e che abbiano utilizzato, per lo statuto vigente, il precedente fac simile regionale,
• e che non riescano a raggiungere il quorum per l’Assemblea straordinaria,
• e solo nel caso in cui si intendano apportare allo statuto esclusivamente le modifiche obbligatorie rispetto al Codice del Terzo Settore.

2- “SCHEMA STATUTO PER NUOVE ISCRIZIONI ODV/APS”, per associazioni:
• non ancora iscritte al Registro,
• oppure per chi è già iscritto e riesca a raggiungere il quorum per l’Assemblea straordinaria,
• e comunque obbligatorio per le associazioni che, pur iscritte, intendano apportare allo statuto modifiche non obbligatorie ai sensi del Codice del Terzo Settore.

Per le Org. di volontariato clicca qui, fondo pagina
Per le Ass. di Promozione Sociale clicca qui, fondo pagina.

Da questa pagina potete anche scaricare il fac simile di verbale per adottare il nuovo statuto.

Calendario lezioni UniVol maggio

Ultimi incontri nel calendario di maggio: conclusione dei due moduli Volontariato e partecipazione nella programmazione ed Economia, impresa e finanza per l’innovazione sociale; avvio del modulo dedicato ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto.

Volontariato e partecipazione nella programmazione

Giovedì 16 maggio – dalle 14.00 alle 18.00
La programmazione in ambito socio-sanitario: processo e strumenti.

Prof. Giuseppe Marcon – Docente Università Ca’ Foscari Venezia

Giovedì 23 maggio – dalle 14.00 alle 18.00
Compiti e motivazioni del volontariato: la partecipazione alla programmazione socio-sanitaria e i piani di zona.
Prof. Giuseppe Marcon – Docente Università Ca’ Foscari Venezia 

Economia, impresa e finanza per l’innovazione sociale

Venerdì 17 maggio – dalle 14.30 alle 18.30
Gli strumenti di valutazione dei progetti sociali: SROI.

Dott. Nicola Cabria – Social Business Manager Human Foundation

Venerdì 24 maggio – dalle 15.00 alle 17.00 POSTICIPATA AL 6 GIUGNO, STESSO ORARIO!
La Responsabilità Sociale dell’impresa: cos’è e presentazione di casi concreti.
Prof. Antonio Costantini – Docente Università Ca’ Foscari Venezia

Auto-Mutuo-Aiuto

Martedì 21 maggio – dalle 15.00 alle 18.00
I Gruppi AMA: giornata introduttiva.
Dott.ssa Vittorina Ius – Formatrice ed esperta Gruppi AMA

Martedì 28 maggio – dalle 15.00 alle 18.00
Il Gruppo AMA e le funzioni dell’empowerment.
Dott.ssa Marisa Vidotto

 

La frequenza delle lezioni è gratuita. È gradita l’iscrizione.
Le lezioni si terranno al Campus Ca’ Foscari Treviso – Riviera S. Margherita 76.

Potete scaricare da questa pagina il calendario di maggio, il calendario tematico relativo all’area Volontariato e partecipazione nella programmazione, quello del modulo Economia, impresa e finanza per l’innovazione sociale, quello del modulo Auto-Mutuo-Aiuto e il calendario completo.

Per info e iscrizioni:
formazione@trevisovolontariato.org
0422 320191

Il nuovo Piano Socio Sanitario del Veneto.

Il volontariato trevigiano è tornato a confrontarsi sul nuovo Piano Socio Sanitario della Regione Veneto, approvato lo scorso 19 Dicembre in consiglio regionale.

Giovedì 28 febbraio presso il Campus Treviso dell’Università Ca’ Foscari, abbiamo approfondito i contenuti del PSSR, grazie all’intervento e contributo di Ubaldo Scardellato, già Direttore dei Servizi Sociali nell’ex Usl 9.

Il  Volontariato trevigiano ha sempre espresso una posizione di costruttiva critica su alcuni elementi del Piano, rivolgendosi direttamente alla V Commissione regionale.

Abbiamo posto l’attenzione su alcuni aspetti che il volontariato reputa essenziali.

– si segnala in particolare la mancanza di un Direttore del Sociale nei Distretti cosa indispensabile per monitorare i bisogni e distribuire con efficacia i servizi;

– si sottolinea come la Conferenza dei Servizi debba avere un ruolo più centrale nel affrontare questioni prioritarie, non ultimi i Piani di Zona per i quali si stanno attendendo le linee programmatiche;

– si sollecita la costituzione degli Ospedali di Comunità dei quali si parla molto ma che non hanno visto piena realizzazione;

– si rileva l’urgenza di una digitalizzazione del sistema informativo del paziente (che consente la gestione più efficace di un “paziente”  e della sua storia clinica);

– si riporta l’attenzione sulle liste d’attesa e sulla gestione delle attività mediche intramoenia, sostenendo come forse si dovrebbero separare le carriere dei medici nel pubblico e nelle attività private;

– la difficoltà di efficientare le strutture dato il grave calo di medici;

– si richiama ad altre problematicità segnalate quali l’affollamento nei Pronto Soccorso e la “qualità dei servizi alberghieri affidati alle cooperative”;

– si rileva la necessità di circostanziare maggiormente gli ambiti di attività di Azienda Zero, il cui intervento nella determinazione di alcuni appalti locali rallenta e non assicura la qualità del servizio;

Questi sono alcuni punti emersi dopo mesi di approfondimento e di discussione, con esperti e associazioni che si occupano di servizi sanitarispiega Alberto FranceschiniRicordo anche la scelta proposta dalla riforma sanitaria che mira ad Ospedali ad alta specializzazione e ad altri per patologie meno importanti , che può essere buona se saranno curati maggiormente gli aspetti logistici come i trasporti degli utenti. Un problema che abbiamo sollevato più volte  riguarda anche le persone non autosufficienti per le quali si ritiene debba essere aumentato il numero delle impegnative, per gli accessi alle case di riposo. L’ente pubblico deve, a nostro parere, allargare il numero di soggetti che possono usufruire del supporto regionale, considerato l’aumento della popolazione anziana. Su questo punto sollecitiamo i  Sindaci a prendere posizione perché gli eventuali costi di soggetti o famiglie senza reddito,  ricadrebbero proprio sugli Enti Locali. Un ultimo punto che segnaliamo riguarda i migranti: con l’applicazione del decreto sicurezza, i migranti sprovvisti del riconoscimento dello stato di profugo  o del “permesso umanitario” perdono il diritto all’assistenza sanitaria, cosa a nostro parere molto grave perché può causare gravi pericoli per l’intera collettività.”

Documenti da scaricare:

Il Piano Socio Sanitario Regionale 2019 – 2023

Slides Dott. U. Scardellato

Nuova privacy: incontri illustrativi

Volontarinsieme – CSV Treviso organizza una serie di appuntamenti sul territorio per illustrare normativa e adempimenti in tema di privacy, alla luce del nuovo Regolamento Europeo (Reg. UE 2016/679 – GDPR):

 

  • MONTEBELLUNA
    20 marzo
    Coord. Cittadini Volontari (via L. Mattiello, 4)
  • TREVISO
    25 marzo
    CSV (via Isonzo, 10)
  • CASTELFRANCO
    1 aprile
    Coord. Castellana (via Verdi, 3)
  • CONEGLIANO
    3 aprile
    Centro Conf. ULSS2 – sala Mons. Dal Col (v. le Spellanzon, 53)
  • ODERZO
    11 aprile
    sala Parrocchiale (via del Campanile – Campiello Duomo, 1)

 

Tutti gli incontri iniziano alle 20.30 e hanno gli stessi contenuti, per dare modo alle Associazioni della provincia di scegliere la sede più comoda.

Elenco contributi pubblici Enti Terzo Settore

La legge 124/2017 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza) ha introdotto alcuni obblighi di pubblicità e trasparenza a carico di una pluralità di soggetti che intrattengono rapporti economici con la Pubblica Amministrazione, tra cui anche gli enti del Terzo Settore.
L’articolo 1 prevede la pubblicazione, nei propri siti o portali digitali, delle informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque a vantaggi economici di qualunque genere superiori ad € 10.000.

Ove l’ente non disponga di alcun portale digitale, Volontarinsieme mette a disposizione dei propri soci questa pagina per l’obbligo di pubblicazione (vedi allegati in download)

Per veder pubblicati i vostri documenti è sufficiente inviare lo schema a consulenze@trevisovolontariato.org

Per il testo della legge e della circolare esplicativa del Ministero clicca qui.

Da questa pagina potete scarica un fac simile per la dichiarazione (allegato in download)

Il volontariato si confronta sul PSSR

PSSR – Piano Socio Sanitario Regionale
Il Volontariato a confronto
Giovedì 28 Febbraio ore 15.00 – Campus Treviso Ca’ Foscari

Il volontariato trevigiano torna a confrontarsi sul nuovo Piano Socio Sanitario della Regione Veneto, approvato lo scorso 19 Dicembre in consiglio regionale.

Giovedì 28 febbraio, dalle ore 15.00 presso il Campus Treviso dell’Università Ca’ Foscari , lezione specifica per approfondire i contenuti del PSSR, grazie all’intervento e contributo di Ubaldo Scardellato, già Direttore dei Servizi Sociali nell’ex Usl 9. Il  Volontariato trevigiano ha sempre espresso una posizione di costruttiva critica su alcuni elementi del Piano, rivolgendosi direttamente alla V Commissione regionale. Quella del 28 febbraio sarà un’occasione per sollecitare nuovamente l’attenzione su alcuni aspetti che il volontariato reputa essenziali.

– si segnala in particolare la mancanza di un Direttore del Sociale nei Distretti cosa

indispensabile per monitorare i bisogni e distribuire con efficacia i servizi;

– si sottolinea come la Conferenza dei Servizi debba avere un ruolo più centrale nel affrontare questioni prioritarie, non ultimi i Piani di Zona per i quali si stanno attendendo le linee programmatiche;

– si sollecita la costituzione degli Ospedali di Comunità dei quali si parla molto ma che non hanno visto piena realizzazione;

– si rileva l’urgenza di una digitalizzazione del sistema informativo del paziente (che consente la gestione più efficace di un “paziente”  e della sua storia clinica);

– si riporta l’attenzione sulle liste d’attesa e sulla gestione delle attività mediche intramoenia, sostenendo come forse si dovrebbero separare le carriere dei medici nel pubblico e nelle attività private;

– la difficoltà di efficientare le strutture dato il grave calo di medici;

– si richiama ad altre problematicità segnalate quali l’affollamento nei Pronto Soccorso e la “qualità dei servizi alberghieri affidati alle cooperative” con una scarsa pulizia soprattutto in certi reparti ospedalieri;

– si rileva la necessità di circostanziare maggiormente gli ambiti di attività di Azienda Zero, il cui intervento nella determinazione di alcuni appalti locali rallenta e non assicura la qualità del servizio;

Questi sono alcuni punti emersi dopo mesi di approfondimento e di discussione, con esperti e associazioni che si occupano di servizi sanitarispiega Alberto FranceschiniRicordo anche la scelta proposta dalla riforma sanitaria che mira ad Ospedali ad alta specializzazione e ad altri per patologie meno importanti , che può essere buona se saranno curati maggiormente gli aspetti logistici come i trasporti degli utenti. Un problema che abbiamo sollevato più volte  riguarda anche le persone non autosufficienti per le quali si ritiene debba essere aumentato il numero delle impegnative, per gli accessi alle case di riposo. L’ente pubblico deve, a nostro parere, allargare il numero di soggetti che possono usufruire del supporto regionale, considerato l’aumento della popolazione anziana. Su questo punto sollecitiamo i  Sindaci a prendere posizione perché gli eventuali costi di soggetti o famiglie senza reddito,  ricadrebbero proprio sugli Enti Locali. Un ultimo punto che segnaliamo riguarda i migranti: con l’applicazione del decreto sicurezza, i migranti sprovvisti del riconoscimento dello stato di profugo  o del “permesso umanitario” perdono il diritto all’assistenza sanitaria, cosa a nostro parere molto grave perché può causare gravi pericoli per l’intera collettività.”

 

Univol Treviso e accoglienza migranti

In un momento storico dove l’accoglienza di persone che scappano da guerre, carestie e povertà, violenze e soprusi, sembra ridursi a puri convenevoli burocratici, riducendo al minimo le possibilità di ottenere status necessari alla permanenza nel nostro Paese, il volontariato trevigiano e Università Ca’ Foscari, attraverso Università del Volontariato, avviano un percorso nell’area “Evoluzione Sociale e crescita personale” sul tema “Accoglienza dei migranti”.

“Si tratta di 6 incontri, due più divulgativi e aperti a tutta la cittadinanza, quattro più legati al supporto linguistico e rivolto a volontari che decidano di operare nel campo dell’accoglienza migranti – spiega Alberto Franceschini presidente di Volontarinsieme – CSV Treviso – Da sempre siamo impegnati in percorsi di approfondimento, conoscenza, abilitazione di volontari impegnati nel delicato compito di accogliere persone che migrano dal loro Paese per motivi di sopravvivenza. In questo periodo storico, dove tutto viene messo in discussione e le disposizioni Governative continuano a minare questi percorsi virtuosi, crediamo sia importante continuare a tracciare una strada di consapevolezza e responsabilità. In questo ringraziamo l’Università Ca’ Foscari e i suoi docenti per la condivisione valoriale di un percorso formativo di tale livello.”

Venerdì 1 Marzo si affronterà il tema del diritto di migrazione come diritto fondamentale dell’uomo, spiegando le differenze e le analogie tra le figure del profugo, richiedente asilo e rifugiato, insieme a Marco Ferrero Avvocato e docente dell’Università Ca’ Foscari e l’Avvocato e volontario Francesco Tartini, esperto in diritto internazionale.

Venerdì 8 Marzo si entrerà nel merito dei flussi migratori, per comprenderne l’andamento demografico e mettere a confronto i modelli di accoglienza, con l’operatore di progetti di accoglienza Marco Berdusco e l’assistente sociale Noemi Tintinaglia

Atri quattro appuntamenti, nei lunedì di marzo/aprile, saranno dedicati al supporto linguistico volontario, presentando metodologie e strumenti per far apprendere la lingua e fornire un arricchimento del lessico e della produzione orale, soprattutto ai giovani migranti. Queste specifiche lezioni saranno coordinate da dalla docente Ca’ Foscari Paola Begotti e dalla studentessa Master ITALS Eliana Mescalchin.

Tutti gli incontri si svolgeranno dalle 15.00/18.00 presso il Campus universitario Ca’ Foscari Treviso.  Per info e iscrizioni scrivere a formazione@trevisovolontariato.org

 

Calendario lezioni UniVol aprile

Ad aprile un calendario denso di appuntamenti: ultimi incontri del modulo dedicato all’Accoglienza dei migranti; prosegue il modulo Etica, valori, cittadinanza attiva.
Al via il secondo modulo dedicato allo Sviluppo dell’Associazione e crescita dei volontari e il modulo Sviluppo sostenibile e ambiente.

L’accoglienza dei migranti

Lunedì 8 aprile – dalle 15.00 alle 18.00
Supporto linguistico volontario: metodologie e strumenti per l’arricchimento del lessico e della produzione orale.

Supporto all’apprendimento e all’autoapprendimento. Laboratorio
Paola Begotti – Università Ca’ Foscari Venezia Eliana Mescalchin – Studentessa Master ITALS, Università Ca’ Foscari

Lunedì 15 aprile – dalle 15.00 alle 18.00
Supporto linguistico volontario: la valutazione del lavoro dei volontari
Paola Begotti – Università Ca’ Foscari Venezia Eliana Mescalchin – Studentessa Master ITALS, Università Ca’ Foscari

Etica, valori, cittadinanza attiva

Venerdì 5 aprile – dalle 15.00 alle 18.00
Amministratore di sostegno: cos’è e a cosa serve
Francesco Pedoja – Giudice già Presidente Tribunale di Pordenone

Martedì 9 aprile – dalle 16.00 alle 18.30
Rappresentati e rappresentanti nell’azione del volontariato
Giuseppe Goisis già Docente Università Ca’ Foscari

Martedì 16 aprile – dalle 16.00 alle 18.30
I diversi aspetti della dimensione etica nel volontariato
Giuseppe Goisis già Docente Università Ca’ Foscari

Sviluppo dell’Associazione e crescita dei volontari

Giovedì 4 aprile – dalle 15.00 alle 18.00
Dal concetto di felicità al concetto di benessere.
Come comunicare quel che si è attraverso la scrittura autobiografica.
Antonella Cestaro – Logopedista e Volontaria esperta nell’ascolto
Sabina Ferro – Esperto in Metodologie Autobiografiche e Consulenza Autobiografica
Chiara Bertossio – Esperta in medicina narrativa

Giovedì 18 aprile – dalle 15.00 alle 18.00
Dal concetto di felicità al concetto di benessere.
Costruzione di rapporti positivi – formazione esperienziale.
Antonella Cestaro – Logopedista e Volontaria esperta nell’ascolto
Alberto Dea – Medico e formatore esperto nella relazione d’aiuto
Rita Sommacal – Esperto agevolatore nella Relazione d’Aiuto

Sviluppo sostenibile e ambiente

Lunedì 1 aprile – dalle 14.30 alle 18.30
In cammino verso la sostenibilità, dove siamo e dove dovremmo andare.
Sostenibilità e Terzo Settore: quali opportunità per nuovi ambiti di attività.
Fabio Pranovi – Delegato del Rettore alla sostenibilità dell’Università Ca’ Foscari Venezia

Venerdì 12 aprile – dalle 16.00 alle 18.00
La produzione di energia da fonti rinnovabili e la gestione dei rifiuti urbani e delle acque nelle città moderne
Paolo Pavan – Docente Università Ca’ Foscari

La frequenza delle lezioni è gratuita. È gradita l’iscrizione.
Le lezioni si terranno al Campus Ca’ Foscari Treviso – Riviera S. Margherita 76.

Potete scaricare da questa pagina il calendario di marzo, il calendario tematico relativo all’area accoglienza dei migranti, quello del modulo comunicazione e promozione e il calendario completo.

Per info e iscrizioni:
formazione@trevisovolontariato.org
0422 320191

Pubblicità contributi pubblici

La legge 124/2017 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza) ha introdotto alcuni obblighi di pubblicità e trasparenza a carico di una pluralità di soggetti che intrattengono rapporti economici con la Pubblica Amministrazione, tra cui anche gli enti del Terzo Settore.
L’articolo 1 prevede la pubblicazione, nei propri siti o portali digitali, delle informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque a vantaggi economici di qualunque genere superiori ad € 10.000.
La nuova disciplina è applicabile a partire dal 2019, relativamente ai vantaggi economici ricevuti a partire dal 1° gennaio 2018. La pubblicazione deve avvenire entro il 28 febbraio 2019.

Ecco gli elementi da pubblicare, preferibilmente in forma schematica:

a) denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente;
b) denominazione del soggetto erogante;
c) somma incassata (per ogni singolo rapporto giuridico sottostante);
d) data di incasso;
e) causale.

 

Tali elementi devono essere pubblicati sui siti internet o sui portali digitali degli enti percipienti. In mancanza del sito internet, è possibile la pubblicazione sulla pagina Facebook.
Ove l’ente non disponga di alcun portale digitale, la pubblicazione in parola potrà avvenire anche sul sito internet della rete associativa alla quale l’ente del Terzo settore aderisce. Per questo motivo Volontarinsieme mette a disposizione dei propri soci una sezione del proprio sito.
Per veder pubblicati i vostri documenti è sufficiente inviare lo schema a consulenze@trevisovolontariato.org.

Per il testo della legge e della circolare esplicativa del Ministero clicca qui.

Da questa pagina potete scaricare un fac simile.

RINVIO lezione Amministratore di Sostegno

Per impegni inderogabili del docente, siamo costretti a rinviare l’incontro formativo di Università del Volontariato a Treviso previsto per venerdì 22 febbraio:

L’Amministratore di Sostegno: chi è e qual è il suo ruolo
tenuto dal già Presidente del Tribunale di Pordenone, dott. Francesco Pedoja.

La lezione è rinviata a venerdì 5 aprile, dalle 15.00 alle 18.00, presso il campus universitario Ca’ Foscari Treviso, Riviera Santa Margherita 76 – TV.

Ci scusiamo per l’inconveniente.

modulo formativo

VENERDì  1 MARZO ore 15.00/18.00

Il diritto di migrazione come diritto fondamentale dell’Uomo.
Profugo, richiedente asilo e rifugiato – analogie e differenze
Marco Ferrero – Avvocato e Docente Università Ca’ Foscari
Francesco Tartini – Avvocato e volontario

VENERDì 8 MARZO ore 15.00/18.00

Flussi migratori: andamento demografico e modelli di accoglienza a confronto.
Accompagnare il percorso migratorio: strumenti e competenze interculturali
Marco Berdusco – Operatore progetti di accoglienza
Noemi Tintinaglia –  Assistente sociale

LUNEDì 18 MARZO ore 15.00/18.00

Supporto linguistico volontario: apprendere come far apprendere.
L’approccio metodologico
Paola Begotti – Docente Università Ca’ Foscari
Eliana Mescalchin – Studentessa Master ITALS, Università Ca’ Foscari

LUNEDì 25 MARZO e 8 APRILE ore 15.00/18.00

Supporto linguistico volontario: metodologie e strumenti per l’arricchimento del lessico e della produzione orale.
Supporto all’apprendimento e all’autoapprendimento. Laboratorio
Paola Begotti – Docente Università Ca’ Foscari
Eliana Mescalchin – Studentessa Master ITALS, Università Ca’ Foscari

LUNEDì 15 APRILE ore 15.00/18.00

Supporto linguistico volontario: la valutazione del lavoro dei volontari
Paola Begotti – Docente Università Ca’ Foscari
Eliana Mescalchin – Studentessa Master ITALS, Università Ca’ Foscari

 

La partecipazione agli incontri è gratuita.

Per info e iscrizioni
Volontarinsieme – CSV Treviso
Tel 0422 320191 – formazione@trevisovolontariato.org

 

 

 

 

 

Bando Questi siamo noi 2019

Intervento per la redazione e la stampa di materiale promozionale delle Associazioni, sia iscritte ai Registri Regionali che non iscritte, purché formalmente costituite e con lo statuto in linea con i principi del Volontariato.

Importo massimo di 500 euro.

Il bando sarà attivo fino ad esaurimento dei fondi disponibili per l’anno 2019.

Don Ciotti incontra la città di Oderzo

Don Luigi Ciotti, Presidente e fondatore di “Libera contro le mafie” incontrerà la cittadinanza di Oderzo domenica 10 febbraio, dalle ore 10, presso l’auditorium del Collegio Brandolini-Rota.
L’appuntamento è organizzato dal gruppo di Associazioni di Volontariato opitergine “Insieme diamo luce“, con la collaborazione di Volontarinsieme – CSV Treviso.
“Orizzonti di giustizia sociale” è il titolo dell’evento, una sorta di “100 passi” verso il 21 marzo, quando a Padova si celebrerà la ventiquattresima edizione della Giornata dell’impegno e della memoria, in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.
Oderzo rappresenta una delle tappe che don Ciotti sta percorrendo nel territorio del Nord-Est e che vedrà coinvolti, oltre al Veneto, anche il Friuli Venezia Giulia e le province autonome di Trento e Bolzano. Il tour è un’occasione di riflessione sui valori della giustizia e di rilancio ambientale ed ecologico. Le vittime, infatti, non sono solo le persone ma anche interi luoghi distrutti e calpestati. Tuttavia, secondo don Ciotti, questa non dovrebbe limitarsi ad essere la giornata della memoria, ma anche e soprattutto dell’impegno e della responsabilità concreta per poter operare effettivi cambiamenti.
L’incontro è ad entrata libera e rivolto a tutta la cittadinanza di Oderzo e territori limitrofi.

Certificazione Unica 2019

CERTIFICAZIONE UNICA 2019
TERMINI E MODALITA’ PER L’ASSOLVERE ALL’ADEMPIMENTO

 

CHI HA L’OBBLIGO DI FARE LA C.U.

Sono tenuti all’invio telematico della C.U. entro il 7 marzo 2019 coloro che nel 2018 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte, nonché i soggetti che hanno corrisposto compensi ad esercenti prestazioni di lavoro autonomo che hanno optato per il regime agevolato o forfettario anche se non hanno, per espressa previsione normativa, effettuato ritenute alla fonte.

QUINDI ANCHE LE ASSOCIAZIONI CHE NEL 2018 HANNO PAGATO DEI PRESTATORI OCCASIONALI CON RITENUTA D’ACCONTO o LAVORATORI AUTONOMI CON REGIMI AGEVOLATI o FORFETTARI DEVONO PER LEGGE ADEMPIERE ALLA C.U.

Si ricorda inoltra che Certificazione Unica deve essere consegnata in duplice copia al contribuente (dipendente, pensionato, percettore di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente nonché percettore di redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi), dai sostituti d’imposta o enti eroganti entro il 31 marzo del periodo d’imposta successivo a quello cui si riferiscono i redditi certificati ovvero entro 12 giorni dalla richiesta della CU.


COME AVVALERSI DEL SUPPORTO DEL CENTRO DI SERVIZIO

Il csv-tv supporterà gratuitamente esclusivamente le associazioni di Volontariato, associazioni di promozione sociale iscritte al Registro Regionalee le ONLUS iscritte all’anagrafe unica a.e., che dovranno far richiesta del servizio entro i tempi stabiliti.

Pertanto al fine di poter adempiere per tempo alle prescritte formalità, si invitano tutte le associazioni interessate a fornire entro 16 febbraio 2019 questa documentazione:

  1. a) anagrafica dell’associazione completa di codice attività (lo trovate nel documento di attribuzione del codice fiscale);
  2. b) copia fattura/parcella relativa a prestazioni da certificare;
  3. c) copia modello f24 relativo al versamento della ritenuta.

 

La dott.ssa Marilisa Marian sarà a Vostra disposizione per fornirvi ulteriori chiarimenti, contattandola al Centro di Servizio (tel 0422/320191) oppure inviando una mail a consulenze@trevisovolontariato.org

Decreto Sicurezza: appello alla responsabilità

All’indomani dell’ennesima tragedia del mare, che hanno portato alla morte di oltre 100 profughi provenienti dalla Libia, e gli appelli inascoltati dall’imbarcazione che ha atteso per oltre 15 ore un soccorso che non arrivava, il volontariato trevigiano sottolinea l’importanza di una politica che si faccia carico delle vite umane, attraverso una trattativa seria ma non spericolata, tra i leader dei Paese che si affacciano sul Mediterraneo, insieme ai colleghi Europei.
il mondo del volontariato torna inoltre a sottolineare l’incostituzionalità del Decreto Sicurezza, una norma che mette in discussione civiltà e sicurezza stessa.

 E’ un vero e proprio movimento quello che si sta creando, contro un’impostazione governativa  che mina i percorsi di integrazione, di umanizzazione e di accoglienza messi in atto in questi annispiega il Presidente di Volontarinsieme CSV Treviso Alberto FranceschiniLa CEI con il suo Presidente Bassetti, molte Diocesi, Sindaci e ANCI, Presidenti di Regione, Terzo Settore, tutti insieme per sottolineare le lacune e il vuoto normativo che lascia questo decreto. Anche la Caritas Italiana è in prima linea in questa battaglia di civiltà, con la sua nuova guida Mons. Corrado Pizziolo, Vescovo di Vittorio Veneto, al quale auguriamo un buon lavoro”. 

Sotto accusa in particolare l’articolo 1, sul permesso di soggiorno per motivi umanitari, e l’articolo 13 della legge, relativo all’iscrizione all’anagrafe.

“E’ importante mantenere inalterati i livelli dei servizi e dei diritti riconosciuti agli stranieri entrati regolarmente nel nostro territorio, oggi relegati in uno strano limbo e penalizzati dal decreto – continua Franceschini –  Registriamo, come molti altri, una lesione dei diritti umani e del rispetto della dignità di ciascuna persona, una situazione che  genera peraltro problemi sociali nelle singole città e rende complicato l’intervento sociale da parte delle istituzioni locali e del mondo del volontariato”

Volontarinsieme ha finanziato, per circa 25mila euro, una progettazione per attività di accoglienza migranti, ultimo il progetto “FIXIT” che prevede momenti di formazione e di eventuale inserimento al lavoro, in collaborazione con realtà imprenditoriali della provincia,  di giovani immigrati ospiti nelle strutture del territorio (hub o SPRAR) e in attesa dello status di rifugiato o di protezione umanitaria.

“Rischiamo di vedere vanificati tutti gli sforzi, e le risorse economiche impiegate, per avviare una vera integrazione e dare la possibilità a questi giovani di avere un futuro, anche lavorativosottolinea FranceschiniE’ inaccettabile, poi, che parte de 35 euro procapite per richiedente asilo di cui dispongono gli enti gestori, non possano essere destinati a formazione e progetti di integrazione. La capacità di adesione di questi ragazzi a progetti di questo tipo è molto più alta al momento del loro arrivo nel nostro Paese, carichi di aspettative, di speranze, di progetti. Dopo due anni di vita vegetale, dove dormono e mangiano solamente, ci si trova di fronte a persone meno vitali,  recettive e capaci di cogliere le opportunità.”

C’è poi la questione sicurezza, all’indomani dell’approvazione del decreto che impone regole stringenti per l’inserimento dei migranti nel sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati.

“Dai primi monitoraggi tra i responsabile di servizi Sprar, dei gestori degli hub di accoglienza e le varie cooperative che gestiscono i Cas, il rischio rilevato è che molte persone si ritrovino allo sbando, senza poter essere accolto in strutture idonee, rimanendo quindi in balia delle organizzazioni criminali e di chi sfrutta il lavoro nero. E’ per questo che chiediamo una profonda riflessione ai nostri politici e governanti, per non fare gravi passi indietro sul percorso di accoglienza e integrazione che il nostro Paese, non senza fatica, aveva conquistato” conclude Franceschini. 

Corso di formazione Volontari per l’orientamento

Volontarinsieme – CSV Treviso, nell’ambito del progetto Note a Margine, promuove un corso di formazione per volontari e aspiranti volontari impegnati a livello locale nell’ambito dell’accoglienza di persone in stato di marginalità economica e sociale.
Il percorso mira a fornire ai partecipanti conoscenze e strumenti utili per l’attivazione di percorsi di accoglienza e orientamento di persone adulte, senza lavoro e spesso prive di reti sociali di supporto.

La formazione è strutturata in due moduli tematici, ciascuno dei quali sviluppato su due incontri:

FACILITARE LA COMUNICAZIONE CON IL MONDO DEL LAVORO.
CONOSCERE LA MAPPA DEI SERVIZI E COSTRUIRE RELAZIONI
mercoledì 23 GENNAIO
              Marina Boccaletto, Veneto Lavoro
mercoledì 30 GENNAIO               Franca Piovesan, Camera di Commercio Treviso – Belluno

L’ACCOMPAGNAMENTO PERSONALIZZATO.
COME MOTIVARE E RESTITUIRE UNA IMMAGINE OGGETTIVA DI SÉ
mercoledì 13 FEBBRAIO               Massimiliano Bredariol, Cooperativa La Esse
mercoledì 20 FEBBRAIO              Lorenzo Pomini, volontario esperto settore Risorse umane

Orario: 17.00 – 19.00
c/o Volontarinsieme – CSV Treviso
Via Isonzo, 10 – TREVISO

25 posti disponibili

Per info e iscrizioni
noteamargine@trevisovolontariato.org

Calendario lezioni UniVol di marzo

A  marzo un calendario denso di appuntamenti. Al via anche i primi incontri del modulo dedicato all’Accoglienza dei migranti.

L’accoglienza dei migranti

Venerdì 01 marzo – dalle 15.00 alle 18.00
Il diritto di migrazione come diritto fondamentale dell’Uomo
.
Marco Ferrero – avvocato e docente Università Ca’ Foscari Venezia e Francesco Tartini – avvocato e volontario

Venerdì 08 marzo – dalle 15.00 alle 18.00
Flussi migratori: andamento demografico e modelli di accoglienza a confronto. Accompagnare il percorso migratorio: strumenti e competenze interculturali
Marco Berdusco – operatore progetti di accoglienza
Noemi Tintinaglia – assistente sociale

Lunedì 18 marzo – dalle 15.00 alle 18.00
Supporto linguistico volontario: apprendere come far apprendere. L’approccio metodologico
Paola Begotti – Università Ca’ Foscari Venezia Eliana Mescalchin – Studentessa Master ITALS, Università Ca’ Foscari

Lunedì 25 marzo – dalle 15.00 alle 18.00
Supporto linguistico volontario: metodologie e strumenti per l’arricchimento del lessico e della produzione orale.
Supporto all’apprendimento e all’autoapprendimento. Laboratorio

Paola Begotti – Università Ca’ Foscari Venezia Eliana Mescalchin – Studentessa Master ITALS, Università Ca’ Foscari

Comunicazione e Promozione

Mercoledì 06 marzo – dalle 15.00 alle 18.00
Come comunicare quel che si è attraverso lo storytelling
Alida Favaretto – docente ed esperta

Etica, valori, cittadinanzattiva

Martedì 12 marzo – dalle 15.00 alle 18.00
Essere Volontari: per un fare capace di pensiero generativo

Adriano Bordignon – Amm. Unico Impresa Sociale Centro Servizi Famiglia

Sviluppo dell’Associazione e crescita dei volontari

Venerdì 15 marzo – dalle 14.30 alle 18.30
Progettare l’intervento con utenti esperti
Marilena Sinigaglia – Assistente Sociale Università Ca’ Foscari Venezia

Progettazione, ricerca fondi e finanziamenti, rapporti con le istituzioni

Venerdì 29 marzo – dalle 15.00 alle 18.00
Unione Europea. Politiche e opportun
ità per il mondo del volontariato
Elena Quagiato – Ufficio Ricerca Internazionale Università Ca’ Foscari Venezia

La frequenza delle lezioni è gratuita. È gradita l’iscrizione.
Le lezioni si terranno al Campus Ca’ Foscari Treviso – Riviera S. Margherita 76.

Potete scaricare da questa pagina il calendario di marzo, il calendario tematico relativo all’area accoglienza dei migranti, quello del modulo comunicazione e promozione e il calendario completo.

Per info e iscrizioni:
formazione@trevisovolontariato.org
0422 320191

Calendario lezioni UniVol di gennaio

A gennaio al via l’interessante focus sul fundraising e ci si apre contemporaneamente ad altri due moduli: Sviluppo dell’associazione e crescita dei volontari e il modulo Comunicazione e Promozione.

Progettazione, Fundraising e Rapporti con le Istituzioni

  • Martedì 8 gennaio – 14.30/18.30
    Fundraising per le associazioni: dalla teoria alla pratica.
    Parte I – lezione teorica

    Luciano Zanin – consulente e fundraiser esperto
  • Martedì 15 gennaio – 14.30/18.30
    Fundraising per le associazioni: dalla teoria alla pratica.
    Parte II – laboratorio pratico di progettazione di una campagna di raccolta fondi

    Luciano Zanin – consulente e fundraiser esperto

Sviluppo dell’associazione e crescita dei volontari

  • Venerdì 11 gennaio – 15.00/18.00
    Come accogliere i nuovi volontari.
    Approccio teorico

    Alessia Crespan ed Erica De Pieri – Volontarinsieme CSV Treviso
  • Venerdì 25 gennaio – 15.00/18.00
    Come accogliere i nuovi volontari.
    Strumenti operativi: la ricerca, la selezione, il monitoraggio e la valutazione dei volontari

    Alessia Crespan ed Erica De Pieri – Volontarinsieme CSV Treviso

Comunicazione e Promozione

  • Sabato 26 gennaio – 9.00/13.00
    Promuovere l’associazione in modo innovativo

    Antonella Tagliabue – consulente esperta Ciessevi Milano
    N.B. la sede di questa lezione è la casa di riposo Residenze per Anziani Città di Treviso, via Nicola di Fulvio 4 – TV.

La frequenza delle lezioni è gratuita. È gradita l’iscrizione.
Le lezioni si terranno al Campus Ca’ Foscari Treviso – Riviera S. Margherita 76.

Potete scaricare da questa pagina il calendario di dicembre, il calendario tematico relativo all’area Progettazione, Fundraising e Rapporti con le Istituzioni, all’area Accoglienza dei volontari e all’area Comunicazione e Promozione e il calendario completo (ultimo aggiornamento: 11/01/19).

Per info e iscrizioni:
formazione@trevisovolontariato.org
0422 320191

Calendario lezioni UniVol di febbraio

A  febbraio continuano gli incontri formativi dei moduli Sviluppo dell’associazione e crescita dei volontari e Comunicazione e Promozione.
Al via anche i primi incontri dei moduli Economia, impresa e finanza per l’innovazione sociale; Etica, valori e cittadinanza attiva; Volontariato e partecipazione alla programmazione.

Sviluppo dell’associazione e crescita dei volontari

  • Venerdì 1 febbraio – 15.00/18.00
    Come costruire percorsi di accoglienza nelle associazioni di volontariato. La progettazione individualizzata.

    Alessia Crespan ed Erica De Pieri – Volontarinsieme CSV Treviso

Comunicazione e Promozione

  • Martedì 12 febbraio – 15.00/18.00
    Volontariato, Web e Social Media: come sfruttare le loro potenzialità per comunicare in modo innovativo
    Alida Favaretto – Docente ed esperta
  • Martedì 19 febbraio – 15.00/17.00
    Le leve organizzative per la motivazione delle persone
    Anna Comacchio – Università Ca’ Foscari Venezia
  • Lunedì 25 febbraio – 15.00/17.00
    Public speaking

    Paola Begotti – Università Ca’ Foscari Venezia

Economia, impresa e finanza per l’innovazione sociale

  • Venerdì 15 febbraio – 14.30/18.30
    Volontariato e sviluppo economico
    Giancarlo Corò – Università Ca’ Foscari Venezia
    Nicola Cabria – Human Fondation

Etica, valori e cittadinanza attiva

  • Venerdì 22 febbraio – 15.00/18.00
    Amministratore di Sostegno: cos’è e a cosa serve
    Dott. Francesco Pedoja – Giudice già Presidente Tribunale di Pordenone

Volontariato e partecipazione alla programmazione

  • Giovedì 28 febbraio – 15.00/18.00
    Il nuovo Piano Socio Sanitario del Veneto

    Ubaldo Scardellato – Già Direttore Servizi Sociali AULSS 2

La frequenza delle lezioni è gratuita. È gradita l’iscrizione.
Le lezioni si terranno al Campus Ca’ Foscari Treviso – Riviera S. Margherita 76.

Potete scaricare da questa pagina il calendario di febbraio, il calendario tematico relativo all’area Accoglienza dei volontari e all’area Comunicazione e Promozione e il calendario completo.

Per info e iscrizioni:
formazione@trevisovolontariato.org
0422 320191

Assemblea Volontarinsieme

L’Assemblea di Volontarinsieme – CSV Treviso è prevista,  in seconda convocazione, Mercoledì 19 Dicembre alle ore 17.00 nella Sede dell’Associazione Lotta Contro i Tumori Renzo e Pia Fiorot San Fior di Sopra, via S. Mel Isidoro, 13

Ordine del giorno previsto:

1.  Approvazione verbale seduta precedente;
2.  presentazione e approvazione Bilancio Preventivo 2019;
3.  comunicazioni.

Elenco posti vacanti e candidati non selezionati SCU

Anche quest’anno CSEV apre uno spazio di condivisione per “Elenco posti vacanti” e “Elenco candidati non selezionati” per il Servizio Civile Universale, che con un semplice link ogni Ente poi potrà condividere e diffondere on-line e via mail.
L’obiettivo è quello di dotarsi di un elenco esaustivo dei posti scoperti, divisi per territorio, da poter condividere con i candidati idonei non selezionati di tutti gli Enti del Veneto.
Per consultare le liste vai al sito www.csev.it

Ricerchiamo un’impresa per la gestione dei siti associativi

Volontarinsieme – CSV Treviso ha deciso di sostenere la realizzazione di un servizio che aiuti le associazioni a creare un proprio sito internet utile a dar loro maggiore visibilità.

A tal fine manifesta pubblicamente la propria intenzione all’apertura di una ricerca per l’individuazione di un’impresa che possa gestire gli sviluppi dei siti delle associazioni che ne facciano richiesta.

Per accedere alla procedura di individuazione è necessario inviare mediante PEC la “Manifestazione d’interesse”, debitamente compilata e firmata, entro e non oltre 15 giorni dalla data di pubblicazione sul sito www.trevisovolontariato.org, e quindi entro il giorno 28 dicembre 2018, all’indirizzo direzione@trevisovolontariato.org in formato PDF.

Di seguito il modulo per la Manifestazione d’interesse ed il Regolamento per l’assegnazione incarico.

All’impresa aggiudicataria verrà affidato l’incarico come esplicitato nel Capitolato speciale d’appalto.

Scarica

Manifestazione d’interesse e Regolamento per assegnazione incarico

 

Speciale Rai3 Veneto su Giornata Volontariato

In occasione della Giornata Internazionale del Volontariato, il TG3 Veneto ha raccontato alcuni dei principali progetti seguiti dal CSV di Treviso, il progetto STACCO, l’Università del Volontariato, i centri sollievo Alzheimer, il Servizio Civile e l’Emporio Solidale per le eccedenze alimentari.
In diretta su Buongiorno Regione del mattino e durante il TG delle 14, di seguito vi proponiamo i link per rivedere i servizi e i collegamenti con i volontari.

Buongiorno Regione (dal minuto 14 circa)
 
TG3 Veneto ore 14.00 (dal minuto 7 circa)
 
Servizio sul progetto STACCO
 
Servizio su Università del Volontariato

Call comunicazione_ Progetto Note a margine

Volontarinsieme – CSV Treviso è capofila di “Note a margine”, un progetto a rilevanza regionale sulle marginalità economiche e relazionali, finanziato dal Comitato di Gestione del Fondo speciale per il Volontariato del Veneto. Invitiamo le agenzie di comunicazione del territorio a presentare una proposta di comunicazione rispondendo alla Call qui allegata.

Scadenza candidature: 15 dicembre p.v..

Per maggiori informazioni:
Francesca Franceschini
direzione@trevisovolontariato.org
0422 320191

 

Sei una Associazione?